Report

Icon

Lo Smart Working in Italia

110,00 €
+iva

Per accedere a tutte le pubblicazioni abbonati

Informazioni

  • Data 27 gennaio 2017
  • Osservatorio Smart Working
  • Lingua Italiano
  • Pagine 55
  • Funzione Risorse Umane/Organizzazione
  • Tipologia Business Scenario

Risponde a...

  • Cosa è successo nel 2016 in Italia in ambito Smart Working?
  • Qual è la diffusione dello Smart Working in Italia? Ci sono differenze tra grandi aziende e PMI?
  • Qual è la maturità e come vengono gestiti i progetti di Smart Working nelle organizzazioni?
  • Quanti e chi sono gli Smart Worker? Che benefici riescono ad ottenere?

Descrizione

Il 2016 è stato un anno di svolta per lo Smart Working in Italia: alla crescente diffusione delle iniziative e alla loro maturazione si è accompagnata una sempre maggiore consapevolezza anche a livello istituzionale. Il disegno di legge sul “lavoro agile” è evidenza di come si stia cercando di dare una cornice legislativa leggera che funga da stimolo e linea guida per le imprese che vogliano cambiare, assicurando alcuni diritti fondamentali dei lavoratori come il diritto alla disconnessione, la parità di trattamento salariale e la formazione continua. A guidare il cambiamento sono in particolare le Grandi Imprese tra le quali, in un solo anno, è aumentato dal 17 % al 30% il numero delle organizzazioni che hanno messo in campo iniziative strutturate di Smart Working, mentre nelle Piccole e Medie Imprese, sebbene il livello di consapevolezza e apertura sia molto aumentato, il numero di imprese con progetti strutturati rimane appena del 5%.


Lo Smart Working in Italia coinvolge sempre più lavoratori e ha grandi potenzialità di espansione. Ad oggi possiamo stimare che gli Smart Worker, ovvero coloro che godono di una rilevante discrezionalità nella definizione delle proprie modalità di lavoro, in termini di luogo, orario e strumenti utilizzati in presenza o meno di una precisa policy aziendale, siano circa 250.000 lavoratori, valore aumentato di circa il 40% in tre anni.

Indice

  1. Il contesto di riferimento
  2. La diffusione dello Smart W in Italia
  3. Le caratteristiche dei progetti di Smart Working
  4. Gli smart worker in Italia
  5. Smart Working: lavori (ancora) in corso!
  6. Studi di caso