Slide Booklet

Icon

Lo zapping dei Turisti digitali

110,00 €
+iva

Per accedere a tutte le pubblicazioni abbonati

Informazioni

Risponde a...

  • Esistono percorsi omogenei o ricorrenti nel Digital Tourist Journey degli italiani?
  • Come si segmentano i flussi turistici digitali in Italia?
  • Quali sono le caratteristiche dei diversi gruppi in termini socio-demografici?
  • Come si distinguono i diversi gruppi nei comportamenti di ricerca, prenotazione e acquisto?

Descrizione

Il Report analizza il comportamento dei Turisti digitali italiani utilizzando una duplice prospettiva: nella prima sezione analizza i journey dei Turisti per individuare l’esistenza di percorsi prevalenti in termini di canali e touch point. Nella seconda sezione segmenta i Turisti digitali per identificare cluster omogenei utili a definire azioni di marketing mirate.

I risultati evidenziano che Internet è pervasivo lungo tutta l’esperienza di viaggio e non esistono percorsi omogenei e prevedibili e neppure combinazioni prevalenti nella tipologia di strumenti utilizzati. Ad esempio, solo per la fase di ricerca informazioni i consumatori “più digitali” (14% del campione) utilizzano in media quattro strumenti diversi (online e offline) con conseguenti comportamenti differenti anche in fase di prenotazione. Ne consegue dunque che i Turisti digitali non possono essere trattati come un insieme indistinto di individui, ma devono essere segmentati in base a profili e comportamenti di acquisto differenti. Il Rapporto individua due macro-categorie di Turisti: i “selettivi digitali” e i “voraci digitali”, a loro volta clusterizzabili in sette sotto-categorie in base all’intensità di acquisto generale e all’utilizzo di Internet in fase di prenotazione.

Indice

  1. Lo zapping dei Turisti Digitali
  2. I Turisti Digitali si segmentano