Slide Booklet

Icon

Startup vs Professionisti: amici-nemici?

FREE

Per accedere a tutte le pubblicazioni abbonati

Informazioni

Risponde a...

  • Quante startup in Italia e all'estero propongono soluzioni per il mondo delle Professioni?
  • I servizi proposti dalle startup supportano o intendono disintermediare i Professionisti?
  • Quali servizi in ambito professionale propongono le startup?
  • A quanto ammontano i finanziamenti ricevuti dalle startup?

Descrizione

Anche il mondo di avvocati, commercialisti, consulenti del lavoro e notai si apre alle startup. Il 65% delle startup censite a livello nazionale e internazionale propone soluzioni di supporto agli studi, in grado di recuperare efficienza e livello di servizio. Il 35%, invece, dichiara apertamente di voler disintermediare il professionista. È il segnale di un mondo che cambia, in cui la competizione si gioca non più tra addetti ai lavori ma anche tra detentori di altri saperi – prevalentemente tecnologici – che possono spostare equilibri sedimentati, perché stanno cambiando le regole del gioco. Il Rapporto presenta lo spaccato di un censimento nazionale e internazionale sulle startup che propongono servizi sia ai professionisti, sia ai loro clienti. Oltre agli andamenti geografici, all’entità dei finanziamenti ricevuti dalle startup, sono esaminati i contenuti e le modalità dei servizi proposti, le tecnologie utilizzate e alcuni casi interessanti di startup che presentano le loro solzuioni. Dal Rapporto è possibile comprendere la portata del fenomeno, che può aprire il mondo professionale a nuovi scenari collaborativi e competitivi.

Indice

  1. Le startup nazionali e internazionali
  2. Le tecnologie utilizzate dalle startup
  3. Gli impatti delle startup sulle professioni
  4. Gli ambiti in cui operano le startup
  5. I finanziamenti delle startup
  6. Focus sulle startup italiane
  7. Una selezione di startup nazionali