Report

Icon

Native Advertising: definizione, dinamiche di mercato e trend di sviluppo

110,00 €
+iva

Per accedere a tutte le pubblicazioni abbonati

Informazioni

  • Data 10 ottobre 2016
  • Osservatorio Internet Media
  • Lingua Italiano
  • Pagine 11
  • Tipologia Market Insight
  • Numero di download 76

Risponde a...

  • Cos'è il Native advertising e quali sono le sue caratteristiche?
  • Quali tipologie di Native advertising esistono?
  • Quanto vale il mercato relativo al Native advertising in Italia? Quali sono le dinamiche di questo mercato?
  • Quali sono i principali benefici derivanti dall'utilizzo di formati Native? Quali le principali criticità?

Descrizione

Il Rapporto mira a definire cosa si intende per Native advertising, quali sono i formati disponibili sul mercato e quanto valgono gli investimenti ad oggi. Inoltre, vengono presentati i trend di sviluppo e le opportunità offerte da questi formati, che aiutano ad esempio a contrastare la diffusione di programmi di ad blocking.

Per essere considerato Native, un contenuto sponsorizzato deve presentare due elementi fondamentali: coerenza di “forma” e coerenza di “contenuto”.

Si definiscono così 5 formati di Native advertising, i quali hanno caratteristiche, impieghi e pesi ben diversi: In-feed, Paid Search, Recommandation Widget, Promoted Listing, Customizzato.

Il mercato relativo al Native advertising vale già 1,21 miliardi di euro ed è destinato a crescere perché l’impiego di tali formati comporta diversi benefici per gli advertiser, come ad esempio la possibilità di superare gli ad blocker e la «banner blindeness».

Indice

  1. Definizione e categorie
  2. Dinamiche e trend di mercato
  3. Opportunità e barriere