Video e Atto Workshop

Icon

Talent Acquisition & Employer Branding

490,00 €
+iva

Per vedere tutti i Workshop e Webinar fai l'abbonamento Full Premium Pass

Informazioni

Risponde a...

  • Quali sono i vantaggi e i benefici per un'azienda di adottare la talent acquisition come approccio strategico?
  • Quali sono le principali industry che gia' hanno attivato processi di talent acquisition e quali sono i requisiti?
  • Cos'è l'employer branding e quali sono i suoi benefici in termini e impatto sulle metriche finanziarie?
  • Come posso impostare un processo di employer branding in azienda?
  • Come posso misurare l'eficacia di un progetto di employer branding?

Descrizione

Come utilizzare i social media, con un occhio particolare su LinkedIn, per acquisire talenti e rendere attrattiva la nostra azienda ai loro occhi

Obiettivo del Workshop e’ introdurre e spiegare cosa significa talent acquisition ed employer branding e perche’ potrebbero interessare la vostra azienda

Molto spesso si tende a confondere il termine “talent acquisition” con recruiting.

A differenziare la talent acquisition dalle tradizionali pratiche di assunzione è il focus sui talenti, non tanto sulle posizioni vacanti e urgenti da assumere per colmare alcune esigenze impellenti. Qui il focus è sul talento che la persona possiede e non solo sul suo background (accademico e professionale).

La talent acquisition quindi va oltre la mera attività di ricerca e selezione di persone da assumere ma è un vero e proprio processo strategico e a ciclo continuo che include attirare, assumere, trattenere e valorizzare i talenti giusti per la nostra azienda, a prescindere dalle necessità incombenti di colmare una lacuna aziendale urgente.
Per un’azienda che adotta la talent acquisition è possibile quindi pensare  di assumere un talento anche se non abbiamo alcuna posizione aperta o addirittura prima che tale ruolo professionale sia definito e codificato.

Ma come fare per ottimizzare questo processo?
Ecco che ci viene in aiuto l’employer branding,  che include  tutte quelle attività che aiutano a scoprire, mettere il luce, articolare e definire l’immagine dell’azienda, la sua cultura organizzativa,  la sua reputazione, i percorsi di people development, i fattori distintivi  e che contribuisce a migliorare l’immagine e il brand aziendale.

Employer branding è quindi il processo che rende il nostro Brand più attrattivo degli altri come datore di lavoro e può contribuire al posizionamento del nostro brand e non solo attirare candidati di qualità ma dare una mano al marketing dell’azienda. E’ infatti dimostrato che le persone tendono a preferire i marchi e acquistare i prodotti delle aziende che considerano un bel luogo dove andare a  lavorare.

Come possiamo dunque impostare un processo di miglioramento della percezione del nostro brand per renderlo attrattivo agli occhi dei futuri talenti da assumere (talent acquisition)?

Nel corso del Workshop Premium vengonoo illustrate metodologie, tattiche e strumenti per ottimizzare il processo di employer branding al fine di ottimizzare l’acquisizione dei talenti (talent acquisition).

 

Il Workshop prende in esame differenti modelli e approcci di social media advocacy in Italia e nel mondo.

 

Relatori

Leonardo Bellini
Digital Marketing & Social Business Advisor, si occupa professionalmente di marketing digitale dal 1998. Ingegnere elettronico con una forte passione per il marketing digitale, ha conseguito l'EMBA presso il MIP, Politecnico di Milano. Fondatore di DML, società di consulenza e servizi digitali, nel 2012 ha creato Social Minds, Progetto di ricerca sull'utilizzo dei social media per specifici settori di business. Autore di "Social Selling, strategie e tattiche per vendere di più sui Social network" (DF Editore 2017), "Come usare LinkedIn per il tuo business" (DF Editore 2016) , "Aziende di successo sui social media (2014, Hoepli Editore), Guida operativa ai Social in Banca (Bancaria Editrice, 2015). Il suo primo libro "Fare business con il web" risale al 2006. Fa parte del Comitato scientifico del Master in Social Media Marketing dello IULM ed è responsabile del Percorso di eventi "Social Media Strategy" di Osservator.net. Nel 2017 è co-fondatore della Startup AffinityMatters.