Business Case

Icon

La collaborazione intersettoriale per la ridistribuzione di eccedenze alimentari: il progetto Hub di Quartiere Contro lo Spreco Alimentare

FREE

Per scaricare il business case registrati al sito

Informazioni

Soluzione implementata

Il progetto mira a mettere a sistema azioni, competenze, best practice e risorse, grazie alla collaborazione tra settore pubblico, imprese e terzo settore, al fine di ridurre lo spreco di cibo e l'insicurezza alimentare nell'area urbana di Milano. Nel concreto, il progetto ha disegnato, implementato e monitorato un sistema operativo di ridistribuzione di eccedenze alimentari donate da una rete di imprese, basato su un hub logistico, allo scopo di fornire ai beneficiari finali mix alimentari bilanciati da un punto di vista nutrizionale. Il modello, partendo da un primo hub nei Municipi 8 e 9 di Milano, è progettato per essere scalabile e replicabile in altre aree urbane. L’hub di consolidamento è uno spazio di 72 m2 in via Borsieri, nel quartiere Isola, dotato di scaffali per lo stoccaggio di alimenti secchi e di un'area refrigerata per i prodotti freschi.
I donatori sono quattro catene di supermercati – con nove punti vendita – e cinque mense aziendali, facenti parte del network di imprese di Assolombarda. Le donazioni della GDO sono consolidate nell’hub – gestito dal Banco Alimentare della Lombardia – e raccolte da associazioni non profit locali, mentre i pasti pronti recuperati dalla ristorazione collettiva vengono ridistribuiti direttamente dal Banco Alimentare alle associazioni non profit di prima linea senza transitare dall’hub.
Il progetto è stato lanciato nei Municipi 8 e 9 di Milano e in un anno ha consentito di raccogliere 120 tonnellate di alimenti, corrispondenti ad un valore economico di mezzo milione di euro.

Descrizione

Dal 2014 la riduzione dello spreco alimentare è una delle priorità della Food Policy di Milano. Per rispondere con azioni concrete a questa esigenza, nel 2016 il Comune di Milano Food Policy, Assolombarda Confindustria Milano, Monza e Brianza, Lodi e Politecnico di Milano hanno condiviso un protocollo di intesa con l’obiettivo di ridurre lo spreco di cibo, e grazie alla sinergia con il Programma QuBì, coordinato da Fondazione Cariplo, hanno dato vita al progetto “Hub di Quartiere Contro lo Spreco Alimentare”. Il progetto ha consentito di implementare un sistema operativo di ridistribuzione di eccedenze alimentari donate da una rete di imprese, basato su un hub logistico, allo scopo di fornire ad associazioni non profit del territorio mix alimentari bilanciati da un punto di vista nutrizionale. A giugno 2020 è stata firmata la convenzione tra Comune di Milano Food Policy, Banca di Credito Cooperativo di Milano, AVIS Comunale Milano e l'Associazione Banco Alimentare della Lombardia “Danilo Fossati” Onlus per l’utilizzo di un nuovo spazio pubblico come hub di raccolta e ridistribuzione nel quartiere di Lambrate, dando così il via alla replicabilità del modello in altre zone della città.

Benefici

Nel primo anno di attività del progetto, sono state recuperate oltre 120 tonnellate di eccedenze alimentari, corrispondenti ad un valore economico di quasi mezzo milione di euro, ed è stato recuperato quasi un terzo nelle eccedenze generate dai partecipanti della GDO e ristorazione collettiva. In totale, a febbraio 2020 risultavano servite 24 associazioni non-profit, in grado di raggiungere con la loro rete 1.307 famiglie (1.488 bambini e 2.478 adulti).

Scopri anche...

Report Icon
Report: 03.07.2020

Agricoltura 4.0: il punto di vista delle imprese agricole italiane

L’Agricoltura 4.0 assume sempre maggiore rilevanza anche in Italia e risultano via via più chiari i potenziali benefici che soluzioni 4.0 possono portare, come per esempio una maggiore (...)

Video e Atto Convegno Icon
Video e Atto Convegno: 03.06.2020

LA SOSTENIBILITÀ VIEN INNOVANDO! Informazione e circolarità, Chiavi di volta per una filiera più sostenibile e inclusiva

Il Convegno dell’Osservatorio Food Sustainability 2019-20 indaga le pratiche di recupero e ridistribuzione delle eccedenze alimentari lungo la filiera, anche nel contesto dell’emergenza (...)

Abbonati