Report

Icon

L’eSupply Chain Collaboration in Italia

110,00 €
+iva

Per accedere a tutte le pubblicazioni abbonati

Informazioni

Risponde a...

  • Cosa si intende con eSupply Chain Collaboration?
  • Quali sono gli ambiti applicativi dell'eSupply Chain Collaboration?
  • Quali sono i benefici e le criticità che derivano dall'implementazione di soluzioni collaborative tra imprese?
  • Quante sono diffuse le soluzioni di eSupply Chain Collaboration tra le aziende italiane?
  • Quali sono le priorità delle imprese rispetto ai progetti collaborativi?
  • Quali sono i principali progetti collaborativi adottati nelle principali filiere del Made in Italy?
  • Quali sono alcune "Best Practices" in Italia per l'utilizzo di soluzioni di eSupply Chain Collaboration?

Descrizione

Con il termine eSupply Chain Collaboration si intende la gestione tramite strumenti digitali di tutte quelle attività di natura collaborativa tra clienti e fornitori. Gli ambiti applicativi di maggior rilievo sono il monitoraggio e il controllo della Supply Chain, lo sviluppo e l’introduzione di nuovi prodotti, la comunicazione e il marketing e la pianificazione congiunta. L’implementazione di questi progetti porta ad una riduzione dei costi operativi e del capitale circolante e ad un miglioramento del livello di servizio verso il cliente e dell’utilizzo del capitale fisso. L’attenzione verso il tema comincia ad essere forte: circa il 75% delle aziende intervistate all’Osservatorio dichiara di voler investire in progetti di eCollaboration nei prossimi 3 anni.

Indice

  1. L'eSupply Chain Collaboration
  2. I benefici e le criticità derivanti dall'implementazione di soluzioni di collaborazione
  3. La diffusione dell'eSupply Chain in Italia
  4. L'eSupply Chain Collaboration nelle principali filiere italiane
  5. Le esperienze dal campo