Video Breve

Icon

Smart City: progetti e benefici

90,00 €
+iva

Per vedere tutti i Workshop e Webinar fai l'abbonamento Full Premium Pass

Informazioni

Risponde a...

  • Qual è il quadro dei progetti Smart City avviati in Italia?
  • Quali sono i progetti che i comuni hanno intenzione di avviare nei prossimi anni?
  • Quali fattori spingono oggi ad avviare progetti Smart City e quali invece ne rallentano la diffusione?
  • Quali sono i benefici (economici e non) dei progetti Smart City? In quanto tempo si ripagano gli investimenti?
  • Quali sono le possibili strategie di collaborazione tra Pubblico e Privato?

Descrizione

I risultati della Ricerca mostrano uno scenario ancora a luci e ombre: sebbene diversi comuni abbiano avviato almeno un progetto Smart City negli ultimi tre anni, le amministrazioni locali evidenziano ancora diverse barriere che frenano lo sviluppo dei progetti: risorse economiche scarse, mancanza di competenze adeguate e, soprattutto, modelli di Governance ancora poco chiari sono le principali questioni su cui occorre lavorare nei prossimi anni.
Il tema dei dati raccolti - e della loro valorizzazione - è sempre più pervasivo, ma ad oggi due comuni su tre non li utilizzano, limitando i benefici conseguibili.
Per far ripartire la Smart City è necessario potenziare la collaborazione con i soggetti privati, che oggi in Italia risulta ancora molto rara. I comuni infatti faticano a collaborare con altri attori: continuano a volere principalmente un ruolo da promotori dei progetti di Smart City, mentre solo il 12% oggi ha avviato collaborazioni pubblico - privato.

Relatori

Giorgia De Bernardi
Laureata in Ingegneria Gestionale con specializzazione in ICT & Business Management al Politecnico di Milano, dal 2015 si occupa per gli Osservatori Digital Innovation di ricerca sui mercati digitali. In particolare è Analista dell’Osservatorio Internet of Things. Svolge attività di Ricerca in modo trasversale ai diversi ambiti dell’IoT, dalla Smart Home, alla Smart City allo Smart Retail e si occupa delle attività di networking con gli oltre 40 Partner e Sponsor dell’Osservatorio. Nella sua esperienza professionale, alla ricerca ha affiancato anche attività di advisory in ambito IoT, per imprese pubbliche e private, e di tutoring, per alcune startup innovative.