Slide Booklet

Icon

Priorità dell'innovazione digitale per le imprese nel 2019: Open Innovation e ruolo delle startup

110,00 €
+iva

Per accedere a tutte le pubblicazioni abbonati

Informazioni

  • Data 07 febbraio 2019
  • Osservatorio Digital Transformation Academy
  • Lingua Italiano
  • Pagine 31
  • Funzione Innovazione/Strategia
  • Tipologia Executive Opinions

Risponde a...

  • Quali attori negli ultimi anni sono stati le principali fonti di stimolo e informazioni per l’Innovazione Digitale? Quali saranno nei prossimi 3 anni?
  • Qual è il livello di adozione di approcci di Open Innovation?
  • Quali azioni stanno intraprendendo le imprese per sfruttare Innovazione Digitale proveniente da fonti esterne (Inbound Open Innovation)?
  • Quali azioni stanno intraprendendo le imprese per valorizzare all’esterno l’Innovazione Digitale sviluppata internamente (Outbound Open Innovation)?
  • Quanto queste azioni sono state soddisfacenti?
  • Che ruolo hanno le startup per le imprese tradizionali?
  • Con quali tipologie di relazioni collaborano imprese e startup? Quali sono le principali problematiche relative alla collaborazione?

Descrizione

La Ricerca degli Osservatori Digital Transformation Academy e Startup Intelligence, attraverso le risposte alla Survey Innovation 2018 di 250 tra Chief Innovation Officer e Chief Information Officer e 45 interviste dirette ha indagato il livello di adozione di nuovi modelli di innovazione e come stanno evolvendo le collaborazioni tra startup e aziende incumbent in Italia.
Le imprese per competere nell’era della trasformazione digitale, si confrontano sempre più con fonti e stimolo di informazioni meno tradizionali, più rivolti verso i nuovi soggetti come startup, Università, Centri di Ricerca e persino Aziende non concorrenti.
Le imprese intervistate confermano infatti l’interesse per l’adozione di approcci di Open Innovation, sebbene non sempre in modo consapevole e sistematico. Considerando il 33% delle imprese (che dichiara di adottare in modo consapevole l’Open Innovation per la gestione dell’Innovazione Digitale), il 12% lo pratica da più di 3 anni; a questo si aggiunge un 24% di imprese che ha in programma di farlo. La maggior parte delle aziende riconosce sempre più il valore strategico dell’Open Innovation. Il numero di imprese che riesce ad avviare collaborazioni con le startup si mantiene modesto, ma non marginale. Le aziende che sono in grado di superare le principali difficoltà, legate soprattutto a differenze culturali e metodologiche e alla natura incerta e propensa al rischio insita nelle startup, avviano collaborazioni con diverse modalità, spesso orientate al lungo periodo e alla nascita di partnership.

Indice

  1. Le fonti di stimolo per l’Innovazione Digitale e le azioni di Open Innovation
  2. Il ruolo delle startup
  3. Business Case
    1. Le parole chiave dell'innovazione in Bper: Open Innovation e collaborazione con le startup
    2. Formazione innovativa e soft skill per un mindset culturale più open e agile in Poste Italiane
    3. Cultura partecipativa, scouting e sperimentazione: ecco come Acea abbraccia l’Open Innovation
    4. Dagli Innovation Hubs al crowdsourcing, Enel prosegue il percorso per ampliare l’ecosistema dell’innovazione
    5. L’ecosistema digitale di Janssen si apre alle startup, fonte preziosa di idee e servizi che vanno adattati alle esigenze specifiche di una grande Pharma