Comunicati Stampa

eCommerce Made in Italy: crescono Abbigliamento, Home Living e Beauty, ma la loro penetrazione sul totale Retail è ancora sotto il 10%

L’Abbigliamento online sfiora i 3,3 miliardi di euro nel 2019 (+16%).
Arredamento & Home living (+26%) e Beauty (+24%) tra i settori più dinamici dell’eCommerce B2c italiano

 

Arredamento & Home living raggiungono gli 1,7 miliardi di €, il comparto Beauty supera quota 560 milioni di € nel 2019.
Nonostante la componente rilevante nella spesa degli italiani, la penetrazione sul totale Retail di questi settori resta ancora al di sotto del 10%.

 Tra le innovazioni più importanti lato customer journey ci sono lo sviluppo del social commerce con la creazione di shoppable content e della realtà aumentata, l’abilitazione della ricerca vocale o per immagini per facilitare l’identificazione del prodotto, l’utilizzo di big data, machine learning e intelligenza artificiale per personalizzare prodotti e percorso dell’utente.


Lato operations, l’innovazione passa dalla gestione efficiente ed efficace dei resi, dall’offerta di opzioni di consegna in luoghi alternativi e dallo sviluppo di servizi speciali, come assistenza allo sdoganamento per Abbigliamento e Beauty e consegna con montaggio e installazione per Arredamento & Home living.

 

Segui gli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano anche su Twitter: @Osserv_Digital

 

eCommerce Made in Italy: crescono Abbigliamento, Home Living e Beauty, ma la loro penetrazione sul totale Retail è ancora sotto il 10%

Milano, 26 settembre 2019 - L’Abbigliamento online in Italia raggiunge un tasso di penetrazione del 9% del totale Retail: il comparto cresce al di sotto della media dei prodotti (+16% rispetto al +21%) ma sfiora nel 2019 i 3,3 miliardi di euro confermandosi come uno dei settori più maturi dell’eCommerce B2c italiano. Arredamento e Home living, con un valore di 1,7 miliardi di euro e una crescita del +26% rispetto al 2018, e Beauty, con un valore che sora i 560 milioni di euro e una crescita del +24%, si confermano invece come i settori più dinamici tra quelli emergenti.

 

“Abbigliamento e accessori, Arredamento e Home living e Beauty rappresentano una componente rilevante nel paniere di spesa degli italiani e il cuore pulsante del Made in Italy.” Dichiara Valentina Pontiggia, Direttore dell’Osservatorio eCommerce B2c del Politecnico di Milano. “Tuttavia, nonostante l’offerta online sia in continua evoluzione grazie a numerose iniziative di diversa tipologia, rimangono elevate le potenzialità inespresse dell’eCommerce. La penetrazione sul totale Retail di questi settori è infatti ancora limitata al di sotto del 10%”.

 

Questo è quanto emerge dalla fotografia scattata dall'Osservatorio eCommerce B2c, giunto alla diciannovesima edizione e promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano*.

 

La ricerca, presentata a Milano presso il Campus Bovisa in occasione del Convegno “Fashion, Design and Beauty online: strategie, numeri e modelli operativi”, è la seconda (dopo quella su Food&Grocery dello scorso luglio) con focus specifico su alcuni dei settori merceologici più rilevanti per il Made In Italy e di conseguenza per lo sviluppo dell’eCommerce nel nostro paese.

 

“La chiave della competitività per le aziende del Fashion, Arredamento e Home living che operano nel commercio digitale sta nel rendere sempre più personalizzata l’esperienza di acquisto dei consumatori. Le tecnologie stanno già ridisegnando tutta la filiera dell’industria di questi comparti”. Commenta Roberto Liscia, Presidente di Netcomm. “Le analisi predittive, grazie all’intelligenza artificiale, consentono di mantenere una relazione con il cliente anche dopo l’acquisto, proponendo un’offerta sempre più personalizzata, così come anche grazie a chatbot e assistenti virtuali, in grado di migliorare costantemente l’assistenza al cliente”.

 

Export digitale italiano: ostacoli e opportunità per il futuro

 

Data l’elevata richiesta all’estero di questi prodotti italiani, l’Export digitale dovrebbe essere un fattore di sviluppo dei settori in analisi. Tuttavia, ad eccezione dell’Abbigliamento (soprattutto di lusso), l’eCommerce oltreconfine fatica ancora a decollare a causa di diversi fattori, tra cui le alte complessità operative (in primis onerosità delle attività logistico-distributive) e legislative.

 

“Se da un lato infatti aumenta la consapevolezza, da parte delle nostre aziende italiane, delle potenzialità dell’eCommerce come strumento di vendita all’estero, dall’altro spaventa l’assenza di un modello unico di riferimento per operare efficacemente online in un Paese straniero.” Dichiara Samuele Fraternali, Senior Advisor dell’Osservatorio eCommerce B2c. “Nei prossimi anni la spinta alla crescita dell’eCommerce B2c nei tre settori potrebbe essere favorita dall’innovazione negli ambiti customer experience e operations”.

 

Customer journey online: al centro dello sviluppo eCommerce

 

La progettazione del customer journey online è particolarmente rilevante nello sviluppo di un’iniziativa eCommerce in questi comparti per tamponare le oggettive difficoltà della vendita a distanza (in primis l’impossibilità di provare e vedere i prodotti) e per garantire un’esperienza d’acquisto personale, fluida e semplice.

Lato customer experience, tra le innovazioni più interessanti si evidenziano lo sviluppo del social commerce con la creazione di shoppable content (soprattutto su Instagram), la sperimentazione della realtà aumentata per far vivere il prodotto anche prima del possesso, l’abilitazione della ricerca vocale o per immagini per rendere più naturale ed efficace il processo di identificazione del prodotto desiderato, l’utilizzo di big data, machine learning e intelligenza artificiale per personalizzare il prodotto e il percorso dell’utente.

Lato operations, l’innovazione passa invece dall’offerta di servizi a valore aggiunto in fase di consegna: gestione efficiente ed efficace dei resi (che nell’Abbigliamento arrivano a pesare anche il 30%), offerta di opzioni di consegna in luoghi alternativi (come parcel o lockers), sviluppo di servizi speciali (assistenza allo sdoganamento e pagamento anticipato degli oneri doganali) per supportare l’Export digitale e, nell’Arredamento e Home living, consegna al piano con montaggio e installazione.

 

*L'edizione 2019 del convegno verticale sull’eCommerce B2c nel settore Fashion, Design and Beauty è realizzata con il supporto di Accenture Interactive; alpenite, BRT Corriere Espresso, DHL Express Italy, GLS Corriere Espresso, GS1 Italy, Intesa Sanpaolo, Locker InPost Italia, Milkman, Nexi, Nexive, PayPal, Poste Italiane, San Marino Mail Italia, SAP Customer Experience, SELLA, VTEX, Webranking; Brivio & Viganò, CEVA Logistics, Drop | e-business provider, Ghelfi Ondulati, PANOTEC - MECCANICHE ITALIANE, PAYBACK, Stef Italia.

***

 

Osservatori School of Management Politecnico di Milano

La School of Management del Politecnico di Milano, costituita nel 2003, accoglie le molteplici attività di ricerca, formazione e alta consulenza, nel campo dell’economia, del management e dell’industrial engineering che il Politecnico porta avanti attraverso le sue diverse strutture interne e consortili. La Scuola ha ricevuto, nel 2007, il prestigioso accreditamento EQUIS.  Nel 2009 è entrata per la prima volta nel ranking del Financial Times delle migliori Business School europee.  Nel 2013 ha ottenuto il prestigioso accreditamento internazionale da AMBA. Dal 2015, la Scuola è membro di AACSB International. La Scuola è presente inoltre nei QS World University Rankings.  Nel 2017, la School of Management è la prima business school italiana a vedere riconosciuta la qualità dei propri corsi erogati in digital learning nei master Executive MBA attraverso la certificazione EOCCS. La Scuola è membro PRME, Cladea e QTEM.

Fanno parte della Scuola: il Dipartimento di Ingegneria Gestionale e il MIP Graduate School of Business che, in particolare, si focalizza sulla formazione executive e sui programmi Master. Le attivita della School of Management legate all’Innovazione Digitale si articolano in Osservatori Digital Innovation, che fanno capo per le attivita di ricerca al Dipartimento di Ingegneria Gestionale, e Formazione executive e programmi Master, erogati dal MIPGli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano (www.osservatori.net) nascono nel 1999 con l’obiettivo di fare cultura in tutti i principali ambiti di Innovazione Digitale. Oggi sono un punto di riferimento qualificato sull’Innovazione Digitale in Italia che integra attività di Ricerca, Comunicazione e Aggiornamento continuo. La Vision che guida gli Osservatori eÌ che l’Innovazione Digitale sia un fattore essenziale per lo sviluppo del Paese. La mission eÌ produrre e diffondere conoscenza sulle opportunità e gli impatti che le tecnologie digitali hanno su imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini, tramite modelli interpretativi basati su solide evidenze empiriche e spazi di confronto indipendenti, pre-competitivi e duraturi nel tempo, che aggregano la domanda e l’offerta di Innovazione Digitale in Italia. Le attività sono svolte da un team di quasi 100 tra professori, ricercatori e analisti impegnati su oltre 30 differenti Osservatori che affrontano i temi chiave dell'Innovazione Digitale nelle Imprese (anche PMI) e nella Pubblica Amministrazione: Agenda Digitale, Artificial Intelligence, Big Data Analytics & Business Intelligence, Blockchain & Distributed Ledger, Cloud Transformation, Cloud nella PA, Contract Logistics, Digital Thinking for Business, Digital Transformation Academy, eCommerce B2c, eGovernment, Export, Fatturazione Elettronica & eCommerce B2b, Fintech & Insurtech, Food Sustainability, Gestione Progettazione e PLM (GeCo), Gioco Online, HR Innovation Practice, Industria 4.0, Information Security & Privacy, Innovazione Digitale in Sanità, Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali, Innovazione Digitale nel Retail, Innovazione Digitale nel Turismo, Innovazione Digitale nell'Industria dello Sport, Internet Media, Internet of Things, Kids & Toys, Mobile B2c Strategy, Mobile Banking, Mobile Payment & Commerce, Multicanalità, Omnichannel Customer Experience, Professionisti e Innovazione Digitale, Smart Agrifood, Smart Working, Startup Hi-tech, Startup Intelligence, Supply Chain Finance, Tech Company - Innovazione nel Canale ICT.

 

Ufficio stampa Osservatori School of Management del Politecnico di Milano

Barbara Balabio
Tel: 02 2399 9545
barbara.balabio@osservatori.net
Skype: barbara.balabio
www.osservatori.net

 

Ufficio stampa Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano

Mirandola Comunicazione
Daniele Gatti - Alessandra Fulgoni
daniele@mirandola.net - alessandra@mirandola.net
Tel: 0524 574708 - 393 8108869 - 349 04122999
Skype: daniele. gatti_1 - alessandrafulgoni

 

Netcomm
Netcomm, il Consorzio del Commercio Digitale Italiano, è il punto di riferimento in materia di e-commerce e retail digitale nel panorama nazionale e internazionale. Nato nel 2005, riunisce circa 400 aziende composte da società internazionali e piccole-medie realtà di eccellenza. Netcomm promuove lo sviluppo dell’e-commerce e dell’evoluzione digitale delle imprese, generando valore per l’intero sistema economico italiano e per i consumatori. Netcomm è tra i membri fondatori di Ecommerce Europe, l’Associazione Europea del Commercio Elettronico, e della Federazione del Digitale, la federazione per lo sviluppo del digitale in Italia.

 

Ufficio stampa Netcomm

Mirandola Comunicazione
Marco Ferrario - Alessandra Fulgoni
netcomm@mirandola.net
marco.ferrario@mirandola.net - alessandra@mirandola.net
320.7910162 - 349.4122999