Video e Atto Webinar

Icon

Consapevolezza e livello di adozione del Design Thinking in Italia

190,00 €
+iva

Per vedere tutti i Workshop e Webinar fai l'abbonamento Full Premium Pass

Informazioni

Risponde a...

  • Come cambia il design e il suo ruolo all’interno dell’organizzazione?
  • Quali sono i limiti e le barriere che frenano l’adozione del design, quale leva per l’innovazione e il cambiamento, all’interno dell’organizzazione?
  • Quali pratiche, ricorrenti e iterative, possono favorire l’adozione e la consapevolezza di design thinking all’interno dell’organizzazione?

Descrizione

L’adozione del design thinking ha l’obiettivo di creare una “design culture” all’interno dell’organizzazione. Tale dimensione richiede un forte committment, iterazione, pratica creativa e non può essere “imposta” ma va adottata attraverso il “fare” design.

L’uso di strumenti propri del design – quali quelli orientati a comprendere i bisogni delle persone in un’ottica user centered – e la loro applicazione concreta nelle routine organizzative favorisce la consapevolezza dell’importanza di tale approccio nei processi di innovazione.

Relatori

Francesco Zurlo
Dottore di ricerca in disegno industriale e professore ordinario di design al Politecnico di Milano, dove insegna alla scuola di design a alla scuola di ingegneria gestionale. È Preside Vicario della Scuola del Design e coordinatore del corso di studi di design del prodotto industriale e della laurea magistrale in Integrated Product Design. È coordinatore del progetto europeo CREA, Horizon 2020, su imprenditorialità, creatività e ICT. È direttore del Master in Design Strategy and System Innovation (realizzato in Cina) e co-direttore del Master in Design Strategico del Politecnico di Milano. Nel 2015 ha fondato un laboratorio di ricerca sulle imprese culturali e creative, CI-LAB (Creative Industries Lab), all’interno del quale svolge ricerca sul ruolo del design e della creatività a supporto di nuove imprese culturali. È componente della commissione di selezione finale dell’ADI Index (il più importante regesto del buon design italiano) dal 2012. È consulente per l’innovazione di molte aziende ed è invitato a tenere lezioni e conferenze, su tematiche del Design Management e del Design Strategico, in molte scuole di design internazionali.