Osservatorio

Icon

Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali

Gruppo di Lavoro

Descrizione

L’Osservatorio Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali, alla sua prima edizione, nasce con i seguenti obiettivi: introdurre nell’ecosistema culturale italiano un luogo in grado di fornire una visione sistemica, oggi mancante, dell’innovazione digitale applicata ai processi di conservazione, valorizzazione, gestione, promozione, commercializzazione e fruizione del patrimonio, dei prodotti e servizi nel mercato dell’arte e della cultura, per facilitare l’upgrading dell’ecosistema culturale; e agevolare il confronto tra gli attori della domanda e dell’offerta per diffondere la cultura dell’innovazione digitale e tracciare le linee evolutive del settore.

 

Al seguente link è possibile trovare il video e gli atti del del convegno dell'Osservatorio Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali.

Attività

Le attività previste dall’Osservatorio per il 2016 riguardano:

  • una ricerca mirata ad analizzare i processi di adozione, l’utilizzo e l’impatto delle tecnologie digitali nel settore dell’arte e dei beni culturali, così come i possibili trend di sviluppo futuri in particolar modo in ambito museale, ritenuto rappresentativo, per la prima edizione, del sistema di accadimenti e relazioni tipici del settore;
  • tre workshop con la community dell’Osservatorio per approfondire e discutere le linee evolutive emergenti nonché le resistenze e le opportunità a cui devono far fronte gli operatori del settore A&CH;
  • un convegno finale di presentazione dei risultati della Ricerca, aperto al pubblico.

Ricerca

Nell’ambito della Ricerca 2016, l’Osservatorio si propone di esaminare l’utilizzo e l’influenza delle tecnologie digitali nel settore A&CH e della cultura in relazione a tre prospettive di analisi: i processi interni, il marketing e la user experience.

In particolare, si prevedono quattro ambiti di ricerca:

  • mappatura delle tecnologie digitali applicate/applicabili al mondo dell’arte e della cultura;
  • analisi della loro diffusione all’interno del contesto italiano, in particolare nel contesto museale;
  • valutazione del processo di adozione della tecnologia da parte delle istituzioni culturali e della capacità di generare valore;
  • analisi del ruolo delle startup tecnologiche, a livello nazionale e internazionale.

 

La ricerca verrà svolta attraverso analisi da fonti secondarie, studi di caso, focus group, interviste a esperti e una survey su musei, monumenti e aree archeologiche italiani.


L’Osservatorio si avvale della collaborazione di un Comitato Scientifico composto da:

  • Giovanni Azzone, Professore Ordinario di Economia e organizzazione aziendale
  • Federico Bucci,Professore Ordinario di Storia dell’architettura contemporanea
  • Luisa Collina,Professore Ordinario di Design
  • Stefano Della Torre, Professore Ordinario di Restauro
  • Alessandro Perego, Professore Ordinario di Logistics and Operations Management e Direttore Scientifico degli Osservatori Digital Innovation 

Infografica

Rinascimento digitale
Infografica 19.01.2017

Beni e attività culturali: l’alba del rinascimento digitale

Osservatorio Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali

Comunicato stampa

19.01.2017

Il 52% dei musei italiani è social ma i servizi digitali per la fruizione delle opere sono limitati

L’innovazione digitale sta penetrando nei musei soprattutto con strumenti di comunicazione come il sito web, i social network e le newsletter. Dall’analisi del campione dei musei...

Executive Briefing

video Svanetti
17.03.2017

I tre nodi da sciogliere per lo sviluppo dell'ecosistema delle startup sul turismo

Osservatorio Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali

Opportunità Sponsorship

Oltre 300 Aziende ogni anno scelgono di partecipare alle attività degli Osservatori Digital Innovation, entrando in contatto diretto con i decision maker del mondo aziendale, istituzionale ed accademico

Contattaci

Sostenitori

L'edizione 2016 dell'Osservatorio Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali è realizzata con il supporto di Cineca, Compagnia di San Paolo, Dedagroup, Fluxedo, Fondazione Cariplo, MyTemplArt, Vidiemme Consulting; Italvideo Service, TicketOne Sistemi Culturali; Alsaro, Apptripper; Sipario Portal; Camera di Commercio di Milano.

 

L’Osservatorio si avvale, inoltre, di un Advisory Board composto da autorevoli esponenti del mondo dell’arte e della cultura.

  • Serena Bertolucci, Direttrice del Palazzo Reale di Genova
  • Donatella Brunazzi, Direttrice del Museo Teatrale alla Scala
  • Luigi Maria Di Corato,Direttore della Fondazione Brescia Musei
  • Sergio Escobar,Direttore generale del Piccolo Teatro di Milano
  • Paolo Giulini,Imprenditore, esperto di economia della cultura e nuovi media
  • Stefano L'Occaso,Direttore del Polo Museale della Lombardia
  • Maria Grazia Mattei, Giornalista e critico d’arte, fondatrice di Meet The Media Guru
  • Giangiacomo Rocco di Torrepadula, Partner dello Studio legale LCA di Milano
  • Chiara Rostagno, direttrice del Cenacolo Vinciano di Milano

 

Per ulteriori informazioni sulla possibilità di collaborare e supportare le ricerche dell’Osservatorio Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali, contattare:


Sponsor:
Startup:
Partner Istituzionale: