Executive Briefing

L'innovazione Digitale Entra Nella Logistica, La Strategia È Sempre Piu' Omnicanale

Focus sul Beverage alcolico: il mercato della logistica conto terzi nel settore vale 231 milioni, con un grado di terziarizzazione del 78%

 

Il convegno a Padova dell'Osservatorio Contract Logistics del Politecnico di Milano in collaborazione con Assologistica e il patrocinio di Confindustria Padova

L'innovazione Digitale Entra Nella Logistica, La Strategia È Sempre Piu' Omnicanale

Padova, 26 gennaio 2017 – La logistica si fa sempre più complessa, ma si apre all'innovazione digitale per diventare “smart”. Smart glass, Workflow scheduling, Load building, RFId, Sensoristica, Dematerializzazione e digitalizzazione documentale per il trasporto, Piattaforme collaborative e Logistics App sono le soluzioni su cui si stanno interessando maggiormente le imprese del settore, in particolare per assicurare visibilità dell’intero processo di distribuzione. E mentre l'esperienza di acquisto dei consumatori diventa sempre più trasversale e integrata attraverso tutti i canali di vendita, la logistica si fa “omnicanale”, riconfigurandosi anche attraverso sinergie con i canali di vendita tradizionali.

 

Sono alcuni dei temi discussi oggi a Padova al convegno “Ambiti di innovazione nella logistica: esperienze a confronto" dell'Osservatorio Contract Logistics della School of Management del Politecnico di Milano in collaborazione con Assologistica, con il patrocinio di Confindustria Padova. Al convegno sono stati presentati alcuni risultati della ricerca dell'Osservatorio Contract Logistics, attraverso casi aziendali innovativi commentati dai manager che hanno realizzato i progetti.

 

Al convegno presieduto e moderato da Gino Marchet, Direttore Scientifico dell'Osservatorio Contract Logistics, hanno partecipato tra gli altri l'On. Paolo De Castro, membro della Commissione per l'Agricoltura e lo Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo e Anna Viel, Vice Presidente di Confindustria Padova e Presidente del Gruppo Giovani Industriali Padova.

 

“La logistica e la distribuzione sono per definizione territorialità: i luoghi hanno proprie peculiarità, infrastrutture, filiere e servizi richiesti diversi. Abbiamo scelto il Triveneto per il nostro secondo convegno annuale, perché è una macroregione chiave dell’economia italiana in diversi settori, tra questi il settore del beverage alcolico, che abbiamo approfondito nella ricerca di quest’anno – spiega Gino Marchet, Direttore Scientifico dell’Osservatorio Contract Logistics –. Il quadro che emerge dalla ricerca quello di una logistica sempre più complessa e che grazie alle nuove tecnologie deve essere sempre più 'Smart'. Acronimo che vorremmo interpretare come: al 'servizio' del cliente e della strategia aziendale; 'multicanale', interprete dell’evoluzione del consumatore sempre più omnicanale; 'agile', ossia in grado di seguire i cambiamenti con velocità; 'resiliente', perché è importante che il sistema logistico sappia reagire a perturbazioni temporanee limitando i rischi per i committenti, 'tecnologica', perché la tecnologia e il digitale sono ormai gli elementi fondamentali che abilitano l’innovazione”.

 

“La globalizzazione e le nuove tecnologie impongono un salto di qualità a tutti - afferma Anna Viel, Vice Presidente di Confindustria Padova e Presidente dei Giovani Imprenditori -. La logistica in particolare assume un ruolo cruciale nella capacità di un territorio di essere competitivo e garantire efficienza nelle supply chain di aziende sempre più internazionalizzate. Padova ha consolidato una “vocazione” logistica grazie al know how di Interporto, uno dei maggiori terminal intermodali italiani (275.000 Teu ogni anno), avviato ad essere hub multimodale del Triveneto, retroporto di Venezia/Alto Adriatico e del Mediterraneo. Oggi va pienamente colta la sfida dell’innovazione digitale per una filiera ancora più connessa, più veloce, più conveniente e per caratterizzarsi come grande centrale logistica del commercio elettronico, appetibile per operatori come Amazon. Gestire il flusso dei dati vuol dire vincere la competizione delle merci su tutti i fusi orari, e creare lo spazio per i lavori del futuro e le nuove competenze dei giovani”.

 

I numeri del mercato - Il 2016 ha confermato la crescita del settore della Contract Logistics in Italia, che raggiunge 79,8 miliardi di euro di fatturato, +1,2% in termini reali, dopo due anni di segno positivo (+2,6% nel 2015 e +1,4% nel 2014) sostenuti dall’aumento del traffico merci, dalla crescita delle vendite all’estero e da una tiepida ripresa del PIL. Dopo il rallentamento degli scorsi anni, ricomincia a crescere la terziarizzazione che rappresenta il 40% delle attività logistiche.

 

L’innovazione tecnologica e digitale - La ricerca ha individuato 8 soluzioni tecnologiche innovative (Smart glass, Workflow scheduling, Load building, RFId, Sensoristica, Dematerializzazione e digitalizzazione documentale per il trasporto, Piattaforme collaborative e Logistics App), di cui ha misurato il grado di interesse prospettico, evidenziando come l'attenzione delle aziende si stia concentrando in particolare sulla visibilità dell’intero processo di distribuzione: una delle sfide storiche della logistica, oggi resa possibile da soluzioni che permettono di ottenere maggiore tempestività per il 50% dei rispondenti e tracciabilità delle informazioni per il 24%, oltre a migliorare efficienza (50%) e qualità (27%) del processo di distribuzione. Senza tralasciare i benefici per l'immagine aziendale (29% per le Logistics App) e la conformità normativa (15% per la dematerializzazione e digitalizzazione documentale).

 

L'omnicanalità - In un contesto di forte cambiamento, in cui le vendite online mostrano una crescita in doppia cifra, lo sviluppo di una strategia omnicanale porta le aziende tradizionali a riconfigurare i modelli logistici spesso anche attraverso sinergie con i canali di vendita tradizionali. La configurazione del modello logistico risente delle peculiarità degli specifici settori. La ricerca ha studiato 3 settori: Produttori alimentari, GDO e Retailer no food. I produttori del settore alimentare spesso percepiscono il canale eCommerce B2c come uno strumento per rafforzare il proprio brand, integrare la gamma ed aumentare le vendite del canale tradizionale, ma dal punto di vista logistico il canale tradizionale e l’eCommerce B2c risultano ancora separati. Nella GDO diverse grandi insegne hanno attivato il canale eCommerce B2c in risposta all’ingresso di nuovi competitor, con conseguenze sul sistema logistico nel coinvolgimento del punto vendita per l’attività di picking e in alcuni casi nella ricerca di sinergie tra canali in fase di distribuzione. Tra i Retailer no food invece l’eCommerce B2c è ormai ampiamente diffuso con volumi di vendita in crescita costante e nella logistica si osserva una forte ricerca di sinergie tra i diversi canali.

 

Il focus sul settore Beverage alcolico - L'analisi sul Beverage alcolico, presentata in anteprima al convegno, rivela che il mercato della logistica conto terzi nel settore è pari a 231 milioni di euro, con un grado di terziarizzazione del 78%. Il Beverage alcolico appare ben sviluppato dal punto di vista della logistica conto terzi, con un outsourcing “strategico” (l'affidamento di una parte rilevante del processo logistico, comprensivo almeno delle attività di trasporto e stoccaggio) diffuso oltre la media. Anche se alcune peculiarità sono specifiche di ogni comparto (vino, birra, spirits).

 

* L'edizione 2016 dell'Osservatorio Contract Logistics è realizzata in collaborazione con Assologistica e con il supporto di BRT Corriere Espresso, CEVA Logistics, CLO Servizi Logistici, DHL Express, FATA Logistic Systems, FERCAM, GEODIS, Innocenti Depositi, Jungheinrich, Logistica Uno, Neologistica, NOAH-MERMEC, Number1 Logistics Group, Poste Italiane, Replica Sistemi, TESISQUARE®, World Capital, XPO Logistics, Zeroquattro Logistica; Arcese, BCUBE, Brivio&Viganò, Cab Log, CD Group, ConsiCopra, CST Logistica Trasporti, Generix Group, GLS, Gulliver, Hardis Italia, Interporto Bologna, Italtrans, Linde Material Handling Italia, Messaggerie del Garda, Multilogistics, Objectif Lune, ORTEC, PTV GROUP | PTV ITALIA LOGISTICS, Silvano Chiapparoli Logistica, STEF Italia, TimoCom, Trasporti Romagna.

 

 

Ufficio stampa School of Management del Politecnico di Milano

Barbara Balabio

Tel.: 02 2399 9578

email barbara.balabio@osservatori.net

Skype barbara.balabio

www.osservatori.net

 

d'I Comunicazione:

 Piero Orlando

po@dicomunicazione.it

Mob.: 335 1753472

www.dicomunicazione.it

 

La School of Management del Politecnico di Milano, costituita nel 2003, accoglie le molteplici attività di ricerca, formazione e alta consulenza, nel campo dell’economia, del management e dell’industrial engineering, che il Politecnico porta avanti attraverso le sue diverse strutture interne e consortili. La Scuola ha ricevuto, nel 2007, il prestigioso accreditamento EQUIS. Dal 2009 è nella classifica del Financial Times delle migliori Business School d’Europa. Nel Marzo 2013 ha ottenuto il prestigioso accreditamento internazionale da AMBA per i programmi MBA e Executive MBA. La Scuola può contare su un corpo docente di più di duecento tra professori, ricercatori, tutor e staff e ogni anno vede oltre seicento matricole entrare nel programma undergraduate. Dal 2014, la Scuola è membro di UniCON, PRME e Cladea. Fanno parte della Scuola: il Dipartimento di Ingegneria Gestionale e MIP Graduate School of Business che, in particolare, si focalizza sulla formazione executive e sui programmi Master.

 

Gli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano (www.osservatori.net) nascono nel 1999 con l’obiettivo di fare cultura in tutti i principali ambiti di Innovazione Digitale per favorire lo sviluppo del Paese. La Vision che guida gli Osservatori è che l’Innovazione Digitale sia un fattore essenziale per lo sviluppo del Paese. La Mission degli Osservatori è produrre e diffondere conoscenza sulle opportunità e gli impatti che le tecnologie digitali hanno su imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini, tramite modelli interpretativi basati su solide evidenze empiriche e spazi di confronto indipendenti, pre-competitivi e duraturi nel tempo, che aggregano la domanda e l’offerta di innovazione digitale in Italia. Gli Osservatori sono oggi un punto di riferimento qualificato sull’innovazione digitale in Italia che integra attività di Ricerca, Comunicazione, Formazione e una Community sempre più ampia di professionisti. Gli Osservatori sono ormai molteplici e affrontano in particolare tutte le tematiche più innovative: Agenda Digitale, Big Data Analytics & Business Intelligence, Cloud & ICT as a Service, Cloud nella PA, Contract Logistics, Digital Finance, Digital Transformation Academy, Digital Insurance, eCommerce B2c, eGovernment, Enterprise Application Governance, Export, Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione, Gestione Progettazione e PLM (GeCo), Gioco Online, HR Innovation Practice, Hubility/Multicanalità, Industria 4.0, Information Security & Privacy, Innovazione Digitale in Sanità, Innovazione Digitale nel Retail, Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali, Innovazione Digitale nel Turismo, Internet Media, Internet of Things, Mobile B2c Strategy, Mobile Banking, Mobile Payment & Commerce, Professionisti e Innovazione Digitale, Smart Agrifood, Smart Working, Startup Hi-tech, Startup Intelligence, Supply Chain Finance.