Report

Icon

La Fatturazione Elettronica Cross Border e un confronto tra le norme in Italia, Germania e UK

110,00 €
+iva

Per accedere a tutte le pubblicazioni abbonati

Informazioni

Risponde a...

  • Quali sono le principali opportunità connesse alla Fatturazione Elettronica Cross Border?
  • Quali sono i principali ostacoli alla Fatturazione Elettronica tra i Paesi Comunitari?
  • Quali sono le principali criticità legate alla Fatturazione Elettronica Cross Border?
  • Quali sono i principali riferimenti normativi che disciplinano la Fatturazione Elettronica in Gran Bretagna?
  • Quali sono i principali riferimenti normativi che disciplinano la Fatturazione Elettronica in Germania?

Descrizione

La Fatturazione Elettronica non è solo uno strumento di efficienza per le imprese e la PA del nostro Paese, è un progetto strategico che l'Europa ha deciso di affrontare per affiancare ai benefici di produttività e semplificazione anche un modello per porre le basi di uno standard di comunicazione che faciliti le relazioni tra gli Stati membri. A valle dell'entrata in vigore della Direttiva 2010/45/UE (la decorrenza dei termini per il recepimento era infatti il 1 gennaio 2013), emanata anche al fine di armonizzare maggiormente in ambito Europeo la componente tecnico-normativa inerente la Fatturazione Elettronica, è interessante approfondire come un'impresa italiana possa gestire le transazioni di import/export mediante modelli di Fatturazione Elettronica, con particolare riferimento a due Paesi membri con cui l'Italia intrattiene significativi rapporti commerciali. Questo Report affronta, quindi, con spirito critico le principali differenze normative che riguardano la Fatturazione Elettronica in Italia, Germania e UK, per inquadrare le opportunità esistenti ed evidenziare le principali criticità eventualmente presenti.

Indice

  1. La Fatturazione Elettronica Cross-Border
  2. La Fatturazione Elettronica Cross-Border: il caso della Gran Bretagna
  3. La Fatturazione Elettronica Cross-Border: il caso della Germania
  4. Conclusioni