Infografica

Icon

eCommerce B2c in Italia: esame di maturità per l’offerta

FREE

Per scaricare l'infografica in alta risoluzione registrati al sito o condividila sui social network

Per scaricare l'infografica in alta risoluzione accedi al sito oppure condividila sul tuo social network preferito

Informazioni

  • Data 18 ottobre 2016
  • Osservatorio eCommerce B2c
  • Lingua Italiano

Descrizione

L’eCommerce B2c continua a crescere anche nel 2016: il valore degli acquisti online degli italiani fa segnare un +18% per un giro d’affari che sfiora i 20 miliardi di euro, tra prodotti (9 miliardi) e servizi (10,6 miliardi). Il Turismo si conferma il primo comparto con una quota del 44% e una crescita del 10%. Seguono Elettronica di Consumo che vale il 15% e cresce del 28% e Abbigliamento, che vale il 10% e cresce del 27%. Si rivela sempre più importante il contributo dei settori emergenti (Food & Grocery, Arredamento e home living, Beauty, Giocattoli), che insieme valgono oltre 1,5 miliardi di euro e crescono con tassi compresi tra il +30 e il 50%.

Il paniere dell’eCommerce italiano, benché ancora sbilanciato sui servizi (54% del valore complessivo), registra una crescita degli acquisti dei prodotti tasso quattro volte superiore rispetto a quella fatta registrare dai servizi (32% vs 8%). Si sta quindi lentamente avvicinando a quello rilevato nei principali mercati stranieri, dove la componente di domanda legata ai prodotti è nell’intorno del 70%.

Nel 2016, i web shopper italiani, ossia i consumatori che hanno effettuato almeno un acquisto online nell’anno, crescono del 7% annuo e raggiungono quota 19 milioni, pari al 60% circa degli internet user.

La penetrazione dell’eCommerce sul totale acquisti Retail sale al 5%. Se prendiamo come riferimento i paesi dove l’eCommerce B2c è in assoluto più maturo la penetrazione sul totale Retail è fino a quattro volte quella italiana ed è nell’intorno del 15%-20%.

In questo scenario, l’offerta è chiamata a un esame di maturità. Servono capacità di investimento e di innovazione per rendere sempre più semplice e appagante l’esperienza di acquisto. Le Dot Com hanno percorso questa strada e continuano a crescere più delle imprese tradizionali (+28% vs +10%). Gli operatori tradizionali, dal canto loro, hanno fatto finalmente il primo passo e devono ora giocare la partita fino in fondo.

Scopri anche...

Report Icon
Report: 21.04.2017

Startup e compagnie di assicurazione: un matrimonio che s’ha da fare

Analizzare il settore assicurativo attraverso indagini tradizionali è senz’altro utile, tuttavia le ‘voci dal campo’ forniscono ulteriori elemento in grado (...)

Webinar Icon
Webinar: 03.05.2017

Twitter Marketing

Twitter può essere un ottimo strumento di marketing, se usato a dovere. Questo Webinar ha l’obiettivo di fornire le specifiche necessarie per utilizzarlo al meglio. Così (...)

Abbonati